Home        Chi siamo        In corso        Archivio        In programma        Pubblicazioni        Gli artisti        Contatti

ITA / ENG

 

Paola Epifani, in arte Rabarama, nasce a Roma nel 1969.

Attualmente vive e lavora a Padova.

Figlia d’arte, dimostra fin da bambina un innato talento per la scultura. La sua educazione artistica si forma dapprima al Liceo Artistico di Treviso e successivamente all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Diplomatasi a pieni voti nel 1991, prende parte fin da subito a numerosi premi nazionali e internazionali di scultura, ottenendo un crescente successo di critica e pubblico.

Il 1995 è l’anno della svolta; inizia la sua collaborazione con la galleria Dante Vecchiato, fondamentale per l’elaborazione delle future tematiche artistiche e della sua promozione in ambito nazionale e internazionale.

L’artista espone nel 2000 un gruppo di opere presso la Fondazione Mudima di Milano.

Del 2001 è la realizzazione di un scultura monumentale eseguita per il Museo d’Arte Contemporanea di Boca Raton in Florida.

In questo periodo le figure, che dapprima non esprimevano aspirazione alcuna, rappresentando piuttosto uno status quo, subiscono un’ulteriore metamorfosi, lacerando la pelle-involucro che all’inizio le avvolgeva, impersonificando la necessità di svincolarsi dal loro involucro, nel tentativo incessante di liberarsi, in un’ infinita ed estenuante lotta.

Prime opere di questa seconda fase di sperimentazione sono esposte, sul finire del 2000, alla Galleria Enrico Navarra di Parigi, a seguito dell’esposizione Trans-formation, e a S. Ivo alla Sapienza di Roma.

Nel 2001 la ricerca di Rabarama si focalizza sulla realizzazione di una serie di sculture monumentali, di notevole impatto visivo. Le stesse sono esposte presso spazi pubblici e fondazioni, quali la Fondazione Palazzo Bricherasio di Torino, Museo Dolores Olmedo Patio a Città del Messico (Messico), Museo Fleury a Lodéve (Francia), Open 2002, Lido di Venezia (Venezia), l’importante Biennale d’Arte di Pechino (Cina 2003), Museo di San Salvatore in Lauro, Roma.

Rabarama è considerata dalla critica e dal collezionismo più esigente un’artista completa grazie ai continui riconoscimenti ufficiali sia sul mercato italiano che in quello internazionale.

La sua produzione è alquanto eterogenea e sfaccettata, diversificandosi tra le sculture di terracotta, bronzo dipinto, marmo, vetro, e la pittura ad olio, le inclusioni di resina, i gioielli d’artista in oro, i recenti monotipi in gomma, le opere grafiche.

Negli ultimi anni sono state organizzate numerose mostre con un alto riscontro a livello internazionale, come ad esempio in Cina nel 2004, a proseguimento della partecipazione dell’artista alla prima e già citata Biennale Cinese d’Arte Contemporanea svoltasi a Pechino: da febbraio ad aprile una personale ha occupato le sale e i giardini del Museo d’Arte di He Xiangning di Shenzhen; la stessa mostra prosegue a Pechino presso il Museo d’Arte Millennium Monument dove per l’occasione è presentata la scultura monumentale Bozzolo, che entrerà a far parte della collezione dell’Associazione Nazionale dei Pittori Cinesi per poi essere collocata nel museo d’arte, nel 2005, alla Biennale d’Arte Cinese. La stessa mostra itinerante prosegue successivamente a Jinan e Shangai.

All’inizio del 2005 l’artista è presente presso il Centro Culturale La Estancia a Caracas, mentre a giugno la prestigiosa galleria olandese Etienne Gallery (organizzatrice di diversi eventi culturali e happenings) la vede per la seconda volta protagonista con le sue opere monumentali negli spazi urbani e nelle vie cittadine, dopo averla già affiancata ad artisti del calibro di Jeff Koons.

A giugno dello stesso anno si realizza un’importante personale presso la Fundaciòn Sebastian di Città del Messico.

Nell’estate 2007 si svolge la mostra Identità presso Villa Genovese Zerbi a Reggio Calabria mentre a novembre si inaugura l’indimenticata personale dal titolo Dream of Transformation presso lo spazio Vecchiato Art Galleries a Padova. 

Nel 2008 altri importanti appuntamenti confermano la fama internazionale di Rabarama: in luglio la straordinaria partecipazione alla Biennale di Pechino ed in ottobre Rabarama a Paris, evento in cui splendide sculture monumentali dominano alcune delle più belle piazze di Parigi come Place de la Sorbonne o Place du Panthéon. In dicembre si inaugura infine Rabarama in Mizner Park presso il Boca Raton Museum di Miami: lo spettatore scopre all’interno del grande parco e degli spazi museali  il fascino e la forza delle opere di Rabarama.

L’affascinante cornice di Saint-Tropez, rinomata località della Francia meridionale a specchio sul mare, ospita invece da metà marzo a ottobre 2009 la mostra Rabarama dans la Presqu’île de Saint-Tropez, grazie alla collaborazione tra Vecchiato Art Galleries ed i Comuni di Saint-Tropez, Ramatuelle, Gassin e Grimaud.

L’esposizione tocca alcuni importanti e caratteristici punti della città e del territorio circostante, mistero e natura si fondono, le sculture entrano a far parte della dolce quotidianità della Côte d’Azur accogliendo, sorprendendo e coinvolgendo lo spettatore che scopre, strada facendo, un percorso in cui strane creature in bronzo prendono vita, stracciando pesanti vesti, compiendo incredibili acrobazie o riflettendo al sole sulla libertà dell’uomo, sulla sua lotta per sottrarsi ad un destino che sembra essere inevitabilmente deciso.

Ecco quindi che le fasce, le lettere, le tessere che rivestono queste opere come preziosi mosaici diventano contemporaneamente codici da interpretare per leggere il futuro di ognuno di noi e involucri da distruggere per riconquistare la libertà.

A giugno 2009, Rabarama Comes to life, importante esposizione in Olanda ad Oisterwijk, realizzata in collaborazione con Etienne Gallery in occasione di Oisterwijk Sculptur 2009, evento a cui sono chiamati ogni anno a partecipare solo pochi artisti europei appositamente selezionati. Rabarama, in questa occasione, con la mostra personale presso la galleria olandese, conferma il suo ruolo da protagonista dell’evento.

L’anno 2010 vede realizzarsi l’ambizioso progetto espositivo Ubiqua 2010 : Cannes, Orta San Giulio (Novara) e Londra sono infatti le città selezionate per esporre le opere della nostra grande artista.

Prestigio, suggestività ed investimento sono quindi le caratteristiche che hanno identificato questo ambizioso percorso espositivo.

Tredici le opere situate nella mondana e glamour Cannes, in contemporanea con il famoso Festival del Cinema, “Rabarama sur la Croisette”, dal 30 marzo al 28 ottobre: quattro di queste, inedite ed attesissime sculture in marmo di Carrara, si sono potute ammirare direttamente sulla Croisette, mentre nove sculture monumentali in bronzo dipinto hanno accolto gli spettatori nel giardino del Grand Hotel di Cannes. A queste si sono aggiunte infine tre opere esposte a Saint Tropez: la scultura "Co-stell-azione" installata sulla spiaggia di Pampelonne accanto al Club 55, "Im-plosione" a Gassin e “Bozzolo” presso il Rond Point all’entrata di Ramatuelle.

Contemporaneamente, dal 24 aprile al 3 ottobre, in occasione dell’edizione 2010 di Ortissima Percorsidorta, evento che ha ospitato negli anni precedenti Arnaldo Pomodoro e Mimmo Paladino, sono state esposte ventitre sculture, delle quali dieci monumentali all’aperto nelle vie del suggestivo borgo medievale di Orta San Giulio e tredici di più piccole dimensioni a Palazzo Penotti Ubertini che ha raccolto anche sette tele dipinte a olio, proponendo un’attenta riflessione sulle infinite sfumature stilistiche dell’arte di Rabarama in un’esposizione curata da Luca Beatrice (curatore della Biennale di Venezia 2009).

Venti opere, di cui due monumentali, hanno accolto poi il pubblico a Londra direttamente all’interno della City, celebre distretto economico-finanziario, presso la Moor House, dal 5 maggio al 5 giugno, confermando ancora una volta il valore internazionale di questa incredibile artista.

Dal 9 giugno al 30 settembre 2011, con la mostra “ANTICOnforme” a Firenze, le affascinanti sculture di Rabarama incontrano il pubblico in alcuni fra i più suggestivi ed antichi luoghi della città.

Infine, il valore artistico di Rabarama è confermato grazie alla sua straordinaria partecipazione alla 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, in qualità di artista selezionata per il Padiglione Italia; dal 4 giugno al 27 novembre 2011 il pubblico di tutto il modo ha potuto ammirare una sua grande scultura in marmo presso l’Arsenale, uno degli spazi più affascinanti.

RABARAMA